in

AIA, questa sconosciuta

La ferriera di Trieste é, purtroppo, alla ribalta quasi ogni giorno. Anche gli organi di informazione locali, alcuni dei quali abbastanza schierati, non possono nascondere il rischio che rappresenta per la cittadinanza.

Molti sentono parlare di “AIA” quando ci si riferisce alla Ferriera di Servola: “Siderurgica Triestina ha presentato ieri, rispettando la scadenza AIA, il piano di risanamento acustico…”[1], “Siderurgica Triestina, inoltre, sottolinea il «consistente investimento» fatto negli impianti di Servola sulla base del rinnovo dell’A.I.A.”[2], “Siderurgica Triestina, fermo restando il termine prescritto dall’AIA per la realizzazione degli interventi..”[3].

Ma cos’é in concreto l’AIA? In cosa consiste l’Autorizzazione Integrata Ambientale?

Riprendendo la definizione che si trova sulla pagina del Ministero dell’Ambiente, l’AIA é “ il provvedimento che autorizza l’esercizio di una installazione a determinate condizioni, che devono garantire la conformità ai requisiti di cui alla parte seconda del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, come modificato da ultimo dal decreto legislativo 4 aprile 2014, n. 46, attuazione della direttiva 2010/75/UE relativa alle emissioni industriali (prevenzione e riduzione integrate dell’inquinamento).”

photo_2016-09-08_13-30-25Spulciando le varie leggi salta all’occhio come si dica che si chiede che “la più efficiente e avanzata fase di sviluppo  di attività  e  relativi  metodi  di  esercizio  indicanti  l’idoneità pratica di determinate tecniche a costituire,  in linea di massima,  la base dei valori limite di  emissione  e delle altre condizioni  di autorizzazione intesi  ad evitare oppure,  ove ciò  si riveli impossibile,  a ridurre in modo generale le emissioni e l’impatto sull’ambiente nel suo complesso.” Legislazione molto chiara atta a salvaguardare la salute dei cittadini.

Ma perché l’AIA della Ferriera di Servola sta creando tante polemiche?

Perché, come ammesso dallo stesso dottor Luciano Agapito (Direttore del Servizio tutela da inquinamento atmosferico, acustico ed elettromagnetico della Regione FVG), e dall’ ing. Franco Sturzi (responsabile della S.O.C. Pressioni sull’ambiente dell’ARPA FVG) l’autorizzazione é stata rilasciata sotto pressioni politiche, senza prendere in considerazione i pareri tecnici degli esperti, essendo l’approvazione dell’AIA prevista dall’accordo di programma sottoscritto tra Arvedi e le forze politiche.

effetti-tossici-polveri-finiUn esempio? Uno dei particolati, il pm10, nemmeno il più pericoloso.
Il Pm10 é l’acronimo per “Particulate Matter” o  “Materia Particolata”, cioè particelle grandi al massimo 10 millesimi di millimetro; queste particelle invisibili, risultato della combustione, sono causa di varie malattie per il sistema respiratorio e anche di cancro.
Il Pm10 é il più conosciuto perché di solito le centraline sono tarate per rilevare particolati di queste dimensioni. Bisogna notare che, più piccoli sono i particolati (PM5- PM2,5 – PM 1…a scendere), più  queste particelle sono pericolose: non vuol dire che se le centraline non li registrano non ci siano, semplicemente non sono tarate per rilevarli!

Secondo studi scientifici (un esempio: lo studio fatto dal dottor Vyvyan Howard) il limite massimo per non incidere sulla salute umana sarebbe di 20 microgrammi per metro cubo; la legge italiana fissa il limite a 50 microgrammi per metro cubo.

Nonostante le emissioni della Ferriera di Servola siano state quantificate in 70 microgrammi per metro cubo (ben oltre i limiti di legge e piú del triplo di quelli consigliati), l’AIA é stata rilasciata. E questi sono solamente alcuni dei molti dati fuori scala registrati.

Ma andiamo a vedere in dettaglio una delle tante stranezze.
23apr16-ferriera-fumata-rossa-2Solo per la centralina di San Lorenzo in Selva è previsto il limite di 70 microgrammi, perché 1) è definita come “indicatore di performance industriale” (nonostante sia a poche decine di metri dalle case più vicine alla ferriera) e come tale “non valida” per quanto riguarda la registrazione delle emissioni di PM 10. 2) E’ invece valida per la misurazione del benzo(a)pirene. Questa è davvero una questione irrisolta (da sempre, non solo con questa AIA) sia per il fatto che pare sia stata l’azienda a dettare questo limite (o chi ha permesso questa anomalia compiacente con essa), sia per il fatto che è inspiegabile la sua “non validità” per la valutazione della qualità dell’aria in relazione alle emissioni di particolati.

Nonostante la nuova AIA sia giudicata molto più restrittiva della precedente dai suoi fautori, continua a non  salvaguardare la salute dei cittadini. Un esempio eclatante? I 70 microgrammi (al posto dei 50 previsti per legge!) messi come limite della centralina di San Lorenzo in Selva.

La domanda sporge spontanea: come mai i mezzi di informazione cittadini minimizzano il problema e presentano sempre la versione del gruppo Arvedi come quella reale (basti vedere i comunicati forniti da “il Piccolo”, come questo)? 
Come mai invece di spiegare i rischi alla salute derivanti dalle emissioni di pm10 e particolati minori, benzopirene e diossina vengono snocciolati numeri o commenti senza un collegamento con la realtá, basati spesso sui dati ARPA, che, non sonosbagliati, ma semplicemente parziali e sche non causano nessun tipo di sanzioni?

Domande che noi ci poniamo, a differenza de “il Piccolo” che, oltre a non informare la popolazione sui rischi derivanti dall’inquinamento, sembra  più preoccupato a descrivere le gesta di  Serracchiani, Arpa e Arvedi come indiscutibili, assumendole come verità assoluta in maniera acritica.

Articoli citati:

[1] Lorenzini, Davide. Siderweb. 28 de luglio de 2016. https://www.siderweb.com/articoli/news/694164-ferriera-di-servola-presentato-il-piano-acustico(último acceso: 14 de agosto de 2016).

[2] Anonimo. Il piccolo. 5 de agosto de 2016. http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cronaca/2016/08/05/news/ferriera-match-senza-guantoni-tra-proprieta-e-sindaco-1.13921281 (último acceso: 14 de agosto de 2016).

[3] Toffolutti, Roberto. Trieste all news. 27 de luglio de 2016. http://www.triesteallnews.it/2016/07/27/ferriera-siderurgica-triestina-ha-depositato-il-piano-di-risanamento-acustico/ (último acceso: 14 de agosto de 2016).

Cosa ne pensi?

1 point
Upvote Downvote

Total votes: 1

Upvotes: 1

Upvotes percentage: 100.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

Comments

Loading…

Una triestina a Monaco: Erika Rutter

Un triestino a New York: Ivan Beacco